Blog > Aprile 2020 > 8 libri consigliati che trattano il tema della disabilità

8 libri consigliati che trattano il tema della disabilità

Pubblicato:

Condividi:

Nel corso della storia della letteratura molti autori hanno inventato personaggi basati sulle loro esperienze personali o di altre persone che hanno conosciuto, creando personalità uniche che assumono una vita propria. Questi otto libri che trattano la disabilità ne sono un esempio.

 Il grido del gabbiano

L'autrice, e personaggio centrale di questo libro, è Emmanuelle Laborit, una delle persone più famose nella comunità dei sordi nel suo Paese di origine, la Francia. In questo romanzo racconta il suo viaggio dall'infanzia, dall'imparare ad accettare la sua particolare disabilità fino a far fronte alle sfide di diventare un’adulta indipendente. Nello stesso anno in cui questa autrice precoce pubblicò il romanzo (aveva 21 anni quando lo scrisse), Laborit ricevette anche il premio Molière per il suo ruolo nella produzione teatrale di “Figli di un Dio Minore” diventando la prima attrice sorda a ricevere tale riconoscimento.

Colpa delle stelle

Commovente e unico, “Colpa delle stelle” è stato pubblicato nel 2012 e presto è diventato un best seller. L'autore John Green ci porta nella mente giovane di Hazel Grace Lancaster, una ragazza di sedici anni che soffre di cancro ai polmoni. Durante un incontro con altri giovani malati, conosce Gus, un ragazzo la cui gamba è stata amputata a causa dell'osteosarcoma. Si tratta di un romanzo scritto in gran parte per adolescenti, che ha continuato ad ottenere un enorme successo, rivelandosi inoltre uno dei lavori essenziali che affrontano la disabilità.

La solitudine dei numeri primi

Un altro best seller come il precedente. Quando è stato pubblicato nel 2009, “La solitudine dei numeri primi” è stato in testa alle classifiche di vendita per tutto l’anno. In esso, l'autore Paolo Giordano racconta la storia di Mattia, un bambino molto dotato che ha una sorella gemella con difficoltà di apprendimento, e di Alice, vittima di un padre prepotente che la porta ad avere lesioni e malattie. Entrambi i personaggi sono sfregiati dalle loro esperienze traumatiche, ma proprio questo li accomuna, e trovandosi ad avere le stesse cose che li rendono diversi dalle persone che li circondano, creano un'amicizia duratura. Un libro essenziale.

Fiori per Algernon

Il personaggio centrale di questa storia di fantascienza di Daniel Keyes è Charlie Gordon, un uomo di trentasette anni con un QI (Quoziente intellettivo) di 67 che è stato selezionato per sottoporsi a test per un trattamento che potrebbe triplicare la sua intelligenza. Sottoposto a diversi cicli di test, i risultati vengono quindi confrontati con quelli di Algernon, un topo con cui Charlie fa amicizia.

Io penso diverso

Josef Schovanec ha la sindrome di Asperger ma, come molti ragazzi autistici, presenta comunque un’intelligenza fuori dal comune. Spesso considerato un ritardato mentale, isolato dal mondo, con difficoltà oggettive nel quotidiano, è oggi un poliglotta dottore in filosofia, che scrive discorsi e tiene conferenze in tutto il mondo. La sua condizione di autistico è stata superata grazie alle sue passioni e alla forza di volontà.

Qualcuno volò sul nido del cuculo

Il romanzo di Ken Kesey del 1962 divenne ancora più famoso per la versione cinematografica interpretata da Jack Nicholson nei panni di McMurphy, un detenuto che finge di soffrire di malattie mentali al fine di garantire un trasferimento da una fattoria di lavoro a quella che vede come una pena più lieve in un'istituzione psichiatrica. Il carattere ribelle di McMurphy lo porta in conflitto diretto con la sinistra Infermiera Ratched, i cui metodi per controllare gli altri pazienti includono il convincerli dello stigma sociale delle loro condizioni. Sebbene l'oltraggio di McMurphy sia in definitiva la sua rovina, riesce a convincere molti degli altri a difendersi e a farsi rispettare in un sistema che li disumanizza.

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Il romanzo di Mark Haddon del 2003 ebbe successo sia come libro per bambini che per adulti. Narrato secondo la prospettiva del quindicenne Christopher John Francis Boone, il libro affronta la difficoltà di vivere quotidianamente con una condizione di spettro autistico, mentre Christopher si propone di risolvere il mistero del perché il cane del suo vicino è stato trovato morto. Gli stimoli fortissimi del mondo, oltre alla sicurezza della sua routine ed alla sua difficoltà a comprendere le relazioni interpersonali, sono espressi semplicemente, ma con forza, in questa storia toccante.

Vedere con il cuore

La storia straordinaria dell’autrice, Sabriye Tenberken, non vedente, che, oltre ad essersi laureata in Tibetologia, ha brevettato un sistema per adattare il Braille al tibetano e che, ancora più sorprendentemente, ha raggiunto quota 6.500 metri sul Lhagpa Ri, una cima di 7.045 metri sul versante settentrionale dell’Everest. Protagonista di un’esistenza speciale, ha fondato una scuola per bambini ciechi in Tibet.

 

Date un'occhiata al nostro precedente post sul blog per un elenco di film che trattano il tema della disabilità, molti dei quali sono nati proprio come libri acclamati dalla critica. Vivete senza limiti e scrivete la vostra storia con una carrozzina elettronica o una carrozzina manuale di Quickie.